Scienza

UNO STUDIO DI HARVARD RIVELA CHE IL CALORE RALLENTA DEL 13% IL NOSTRO CERVELLO

Quando arriva il caldo si riduce la nostra capacità di affrontare le attività quotidiane. È una relazione inversamente proporzionale. Molte persone trovano difficile svolgere attività quotidiane quando fa molto caldo, durante i giorni più afosi.

Se sei una di quelle persone e senti che quando arriva il caldo non puoi pensare chiaramente, come se i tuoi neuroni “si sciogliessero” letteralmente, potresti avere ragione. I neuroscienziati di Harvard hanno dimostrato che il caldo estivo non ci aiuta a pensare meglio.

Quando arriva il caldo non riusciamo a pensare chiaramente

Questi ricercatori reclutarono 44 persone, la metà delle quali viveva in una casa con aria condizionata. Queste persone vennero sottoposte a un test per valutare le loro capacità cognitive alla mattina, appena si alzavano.

I risultati non lasciarono dubbi: le persone che dormivano senza alcun tipo di aria condizionata, esposte al caldo, ottenevano i punteggi peggiori. Precisamente, il tempo di reazione si riduceva del 13,4% e le loro capacità cognitive diminuivano del 13,3%.

Queste persone vennero sottoposte al test in piena estate, durante un periodo di 12 giorni, cinque dei quali dovettero sopportare un’intensa ondata di calore. Ma la cosa interessante è che gli effetti del calore vennero mantenuti dopo la scomparsa dello stesso, una media di 48 ore in più.

Un altro studio condotto in Oregon ha dimostrato anch’esso che il calore è uno dei principali nemici della nostra intelligenza. Questi ricercatori hanno confrontato i risultati degli studenti nei test condotti in camere climatizzate, a una temperatura piacevole e calda. Scoprirono così che le variazioni di alcuni gradi causavano dei cambiamenti nelle loro prestazioni: a 16 gradi gli studenti ottennero il 76%, a 22 gradi il 90% e a 27 gradi il 72%.

Perché il calore influenza così tanto la nostra performance cognitiva?

Il nostro corpo lavora per mantenere una temperatura corporea normale. Quando abbiamo troppo caldo si attiva un meccanismo per raffreddare il corpo. Per fare ciò l’organismo consuma glucosio, che è anche la principale fonte d’energia utilizzata dal nostro cervello.

È interessante notare che consumiamo più energia per raffreddare il corpo che per riscaldarlo quando abbiamo freddo. Ovviamente, una volta usate le nostre riserve di glucosio per regolare la temperatura corporea, il cervello ha meno glucosio a disposizione, il che significa che necessita di più tempo per rispondere e ciò influisce sulla nostra capacità di risolvere problemi e prendere decisioni.

I ricercatori dell’Università della Virginia valutarono anche gli effetti della temperatura sulla nostra capacità di prendere decisioni. Alcuni partecipanti allo studio si trovavano a 20 gradi di temperatura e altri a 25, poiché la temperatura ideale era di 22 gradi, in entrambi i casi il corpo doveva lavorare per regolare la temperatura corporea.

Il compito consisteva nell’individuare errori di ortografia e grammatica in un articolo. Le persone nella stanza più fredda trovarono il doppio degli errori rispetto a quelli che si trovavano nella stanza più calda. Tuttavia, la cosa più interessante doveva ancora venire.

Successivamente, venne chiesto loro di scegliere il piano telefonico più vantaggioso tra due diverse opzioni. Il 50% di quelli nella stanza più fresca scelsero il piano più conveniente, rispetto al 25% di quelli nella stanza più calda.

Naturalmente, gli effetti del calore non sono solo fisici. Le alte temperature generano di solito uno stato di disagio psicologico che colpisce anche la nostra attenzione e ci impedisce di concentrarci. È difficile rimanere concentrati su un’attività quando arriva il caldo e si suda copiosamente o si sta pensando a come rinfrescarsi o a quanto ci si sente a disagio.

In ogni caso, ora lo sai: se devi prendere una decisione importante, è meglio non prenderla quando arriva il caldo. O almeno, non prima di esserti messo davanti a un ventilatore.

via Angolo della Psicologia

Fonti:
Cedeño, J. G. et. Al. (2018) Reduced cognitive function during a heat wave among residents of non-air-conditioned buildings: An observational study of young adults in the summer of 2016. PLOS Medicine.
Cheema, Amar & Patrick, V. M. (2012) Influence of Warm Versus Cool Temperatures on Consumer Choice: A Resource Depletion Account. Journal of Marketing Research; 49(6): 984-995.
Perez, J. et. Al. (2010) Does Temperature Impact Student Performance? Room temperature and its impact on student test scores. Healthy Schools.