Scienza

STRANE ONDE SISMICHE HANNO ATTRAVERSATO TUTTO IL MONDO L’11 NOVEMBRE, MA LA LORO ORIGINE RESTA UN MISTERO

Queste onde hanno fatto muovere i sensori per più di 20 minuti,  eppure, a quanto pare, nessun umano le ha percepite
tratto da www.nationalgeographic.com

La mattina dell’11 novembre, poco prima delle 9:30 UTC, un rombo misterioso ha attraversato per il mondo

Le onde sismiche sono iniziate circa 15 miglia al largo delle coste di Mayotte, un’isola francese  situata tra l’Africa e la punta settentrionale del Madagascar. Le onde hanno attraversato tutta l’Africa, facendo “suonare” i sensori in Zambia, Kenya ed Etiopia. Hanno attraversato vasti oceani, fino al Cile, Nuova Zelanda , Canada e persino alle Hawaii a quasi 11.000 miglia di distanza.

Queste onde hanno fatto muovere i sensori per più di 20 minuti,  eppure, a quanto pare, nessun umano le ha percepite Solo una persona ha notato il segnale sui display del sismogramma in tempo reale dell’USGS. Un appassionato di terremoti ha visto gli zigzag dei sismografi, pubblicando le immagini su Twitter. I ricercatori di tutto il mondo, poco dopo,  hanno cercato di scoprire la fonte delle onde ma sono rimasti allibiti nel non trovare alcun sisma registrato in tutto il globo capace di generare tali onde.

“Non penso di aver mai visto niente del genere”, ha detto Göran Ekström , un sismologo della Columbia University specializzato in terremoti inusuali.

“Ciò non significa che, alla fine, la loro causa sia così esotica”, osserva. Eppure molte caratteristiche delle onde sono notevolmente strane, dal loro “ring” sorprendentemente monotono, a bassa frequenza, alla loro diffusione globale. E i ricercatori stanno ancora inseguendo l’enigma geologico.

Perché le onde a bassa frequenza sono così strane?

In un normale terremoto, le tensioni accumulate nella crosta terrestre si liberano con uno “strappo” in pochi secondi. Questo genera una serie di onde che si irradia dal punto della rottura.  I segnali che viaggiano più velocemente sono le onde primarie, o onde P,  poi vengono le onde secondarie, o onde S, che hanno un movimento molto diverso e ondulato. Entrambe queste onde hanno frequenze relativamente alte.

Alla fine, scoppiando alla fine giungono onde superficiali lente e di lungo periodo, che sono simili agli strani segnali che arrivano da Mayotte. Per intensi terremoti, queste onde di superficie possono lampeggiare sul pianeta più volte, facendo risuonare la Terra come una campana, dice Hicks.

Tuttavia, non c’è stato un grande terremoto che abbia dato il via alle recenti onde registrate. Sulla base dell’ispezione scientifica fatta finora, i tremori sembrano essere collegati a uno sciame sismico che è in corso a Mayotte dallo scorso maggio. Centinaia di terremoti hanno scosso la piccola nazione in quel periodo, la maggior partecon epicentro circa 31 miglia al largo. i

Il più forte si è attestato a Mw 5.8 il 15 maggio, il più potente mai registrato nella storia dell’isola. Eppure la frequenza di questi eventi è diminuita negli ultimi mesi, e nessun terremoto “tradizionale” è avvvenuto nel momento in cui sono iniziate le onde misteriose l’11 novembre.
Il French Geological Survey (BRGM) sta monitorando da vicino il recente scuotimento e ipotizza che un nuovo centro di attività vulcanica potrebbe svilupparsi al largo della costa. Mayotte si è formata con eruzioni vulcaniche ma i suoi giganti geologici non hanno eruttato in oltre 4000 anni. Invece, l’analisi di BRGM suggerisce che questa nuova attività potrebbe puntare al movimento magmatico al largo delle coste, in profondità nell’Oceano e questa non è una grande notizia per i geologi, poiché è un’area che non è stata mai studiata in dettaglio.

“La posizione dello sciame è ai margini delle mappe geologiche che abbiamo”, afferma Nicolas Taillefer, capo dell’unità di rischio sismico e vulcanico di BRGM. “Ci sono molte cose che non sappiamo.” E per quanto riguarda le onde misteriose dell’11 novembre, dice, “è qualcosa di completamente nuovo nei segnali sulle nostre stazioni”.

Sebbene sconcertati, gli scienziati, utilizzando queste misurazioni, stimano che un enorme corpo di magma si stia facendo strada attraverso il sottosuolo vicino a Mayotte.

Ekström pensa che gli eventi della mattina dell’11 novembre abbiano effettivamente avuto inizio con un terremoto di qualche tipo equivalente a un evento di magnitudo 5 . Passò in gran parte inosservato, perché si trattava di un terremoto lento. Questi terremoti sono più silenziosi dei loro cugini “normali” poiché derivano da un graduale rilascio di stress che può prolungarsi per minuti, ore o persino giorni, “avviene la stessa deformazione, ma non accade come una scossa”, dice Ekström.

Questo tipo di terremoti lenti è spesso associato all’attività vulcanica. Sul vulcano Nyiragongo, nella Repubblica Democratica del Congo, un simile terremoto lento e onde a bassa frequenza sono stati collegati con il collasso di una camera di magma . I terremoti lenti sono stati incredibilmente frequenti anche durante la più recente eruzione del Kilauea alle Hawaii , che ha prodotto quasi 60 di questi eventi tra maggio e la fine di luglio, inviando ondate sismiche in tutto il mondo.

Quindi cosa sta causando le vibrazioni a Mayotte? Un’eruzione sottomarina potrebbe produrre questi bassi brontolii, ma le prove per un tale evento devono ancora materializzarsi. Le ipotesi più attuali ruotano attorno alla risonanza in una camera di magma, innescata da qualche tipo di spostamento del sottosuolo o collasso della camera magmatica. La risonanza stessa può essere generato da qualsiasi tipo di movimento ritmico, come lo sciabordio della roccia fusa o un’onda di pressione che risuona attraverso il corpo del magma, spiega Ekström. Studiare le complesse caratteristiche delle onde sismiche potrebbe fornire indizi sulla dimensione e la forma del materiale fuso contenuto nel sottosuolo.

Ma la ricerca continua per cercare di riuscire a svelare in maniera certa questo mistero.

Condiviso da:www.blueplanetheart.it

via PianetaBluNews