Curiosità Salute

SINDROME DI BRUGADA: SCOPERTO IL MECCANISMO CHE FA ARRESTARE IL CUORE IMPROVVISAMENTE

La sindrome di Brugada è un disturbo che fa particolarmente paura in quanto provoca un arresto improvviso del cuore, anche in persone giovani e sane. Un nuovo studio fa chiarezza sul meccanismo alla base di questa anomalia cardiaca e trova un possibile sistema per trattare il problema.

A scoprire il meccanismo che fa arrestare il cuore improvvisamente è stata una ricerca condotta dall’Irccs Policlinico San Donato e pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology.

Il team di esperti è riuscito per la prima volta a descrivere l’anomalia elettrica alla base della fibrillazione ventricolare che provoca la morte improvvisa di persone giovani e, fino a quel momento, apparentemente sane. La stessa patologia che è stata fatale per il calciatore Davide Astori.

Lo studio mostra sostanzialmente che la sindrome è presente fin dall’infanzia sulla superficie epicardica del ventricolo destro e genera il rischio di sviluppare aritmie ventricolari in tutto il corso della vita. Questo ovviamente mette in pericolo di eventi cardiaci fatali.

Sostanzialmente le difformità alla base di questa sindrome sono state rappresentate come gruppi di cellule anomale a livello elettrico disposte a cipolla e circondate da tessuti sani. Una sorta di isole di tessuti malati aggressivi che sono predisposti a generare, prima o poi, un arresto cardiocircolatorio.

Così ha spiegato Carlo Pappone, direttore della unità operativa di Aritmologia dell’Irccs Policlinico San Donato, l’esperimento condotto dal suo team:

“Sono stati arruolati sia pazienti sopravvissuti a un arresto cardiaco sia pazienti con sintomi sfumati. In entrambi i gruppi, le isole di tessuto anomalo sono risultate essere piuttosto simili quando sollecitate dalla somministrazione di ajmalina, farmaco che simula in laboratorio ciò che può accadere durante la vita di questi pazienti: cellule dormienti che all’improvviso durante la febbre o dopo pasto abbondante o durante il sonno, possono ‘esplodere’ generando la completa paralisi elettrica del cuore con conseguente arresto e morte improvvisa”.

Il problema è che non sono sufficienti gli screening di routine sul cuore (in primis l’elettrocardiogramma) per identificare i pazienti in cui è presente questa sindrome. Occorrono infatti test decisamente più accurati.

Il Dipartimento di Aritmologia dell’Irccs Policlinico San Donato ha sviluppato la possibilità di effettuare una mappatura del cuore specifica utilizzando un software in grado di trovare, grazie a delle onde in radiofrequenza, le zone anomale.

Ma non è tutto. Dopo averle individuate, la sofisticata tecnologia è in grado anche di riportarle alla normalità rendendo dunque il ventricolo destro completamente funzionante dal punto di vista elettrico.

Ad oggi ben 350 pazienti trattati con questo metodo hanno visto regolarizzato il proprio ventricolo anche dopo la somministrazione di Ajmalina.

Un risultato tutto italiano di cui andare particolarmente fieri!

Francesca Biagioli – GreenMe