Quando ci vediamo bene, tendiamo a darlo per scontato. Ma i nostri occhi sono un organo molto sensibile e la vista si può deteriorare con l’età e a causa di altri fattori. Può accadere che uno faccia tutto quello che può per proteggere la vista, ma per ragioni sconosciute questa può comunque peggiorare. Perciò, per mantenere la vista sempre in ottimo stato, è consigliabile sottoporsi a controlli regolari, in modo da scoprire un problema in tempo, qualora ci fosse.

Una condizione che può danneggiare gradualmente gli occhi e rimanere silenziosa finché non è troppo tardi è il glaucoma.

Cos’è il glaucoma?

Il glaucoma è una malattia degli occhi che danneggia il nervo ottico e porta a una perdita parziale della vista, o persino alla cecità. Il glaucoma di solito insorge quando la pressione intraoculare (la pressione all’interno degli occhi) aumenta, anche se potrebbe essere causato da altri fattori. La condizione, di solito, colpisce entrambi gli occhi e potrebbe essere peggiore in un occhio rispetto all’altro. Secondo il National Eye Institute, più di 2,7 milioni di statunitensi oltre i 40 anni sono affetti da glaucoma.

Scoprirla in stadi precoci e un trattamento adeguato possono aiutare a prevenire danni ulteriori al nervo ottico, o per lo meno rallentarne il processo.

Che tipi di glaucoma esistono?

La NHS britannica elenca queste tipologie di glaucoma:

  • glaucoma primario ad angolo aperto, che è la tipologia più comune e di solito si sviluppa nel corso degli anni;
  • glaucoma primario ad angolo chiuso, meno comune e può svilupparsi improvvisamente o gradualmente;
  • glaucoma secondario, causato da una condizione visiva sottostante, come ad esempio l’uveite;
  • glaucoma a pressione normale, identificato dal fatto che la pressione interna dell’occhio è normale;
  • glaucoma congenito, poco comune e causato da un difetto congenito all’occhio.

Quali sono i sintomi del glaucoma?

Il glaucoma è definito “ladruncolo della vista”, poiché può non mostrare sintomi fino a quando il nervo ottico è gravemente danneggiato.

In alcuni casi, i sintomi del glaucoma insorgono rapidamente e richiedono immediata attenzione medica. Questi sintomi includono:

  • dolore agli occhi;
  • mal di testa;
  • occhi rossi;
  • indolenzimento intorno agli occhi;
  • visione distorta;
  • visione di aloni intorno alle luci;
  • nausea e vomito.

I sintomi descritti sopra sono già un caso di emergenza. Contatta il medico il prima possibile, se noti qualcuno di questi sintomi. Se la tua vista sta peggiorando, non andare da solo al pronto soccorso, ma fatti accompagnare.

Chi corre un maggior rischio di sviluppare il glaucoma?

Sfortunatamente, chiunque può contrarre il glaucoma, ma ci sono dei fattori di rischio che possono aumentarne le possibilità. Questi includono:

  • avere più di 45 anni, il rischio di glaucoma aumenta con l’età;
  • glaucoma in famiglia;
  • essere miope o presbite;
  • essere discendente afro-americano, ispanico, giapponese, irlandese, scandinavo, russo o inuit;
  • avere il diabete;
  • utilizzo prolungato di medicinali steroidei;
  • anamnesi di trauma oculare.

Se sei a rischio elevato di glaucoma, potresti dover necessitare di un controllo agli occhi più volte all’anno.

Esiste un modo per prevenire il galucoma?

Non ci sono metodi conosciuti per prevenire il glaucoma e il danno al nervo ottico è irreversibile. Fare esami ottici regolari è importante anche se non c’è niente che non va nella tua vista, perché il problema potrebbe essere presente, ma non mostrare alcun segno visibile per molto tempo.

Dovresti anche seguire alcune raccomandazioni per prenderti cura della tua salute.

Fonte: NEINHS UKAmerican Academy of OphtalmologyWebMDMedicineNet

via Fabiosa