Ambiente

Scienziati: una lunga storia di utilizzo di fertilizzanti minaccia oggi la nostra qualità dell’acqua

Immagina di percorrere una strada lunga e dritta attraverso i terreni agricoli rurali.  In uno dei due lati c’è una bella fattoria verde. I prodotti coltivati ​​in queste fattorie sembrano sani e sembrano fiorenti. Ora immagina la terra sotto quelle fattorie come una grande spugna. Come tutte le spugne, versando abbastanza liquido alla fine si raggiungerà la capacità di assorbimento, lasciando passare il liquido in eccesso.

Più o meno allo stesso modo, in un lungo periodo di tempo, il fosforo nei fertilizzanti chimici usati nell’agricoltura convenzionale supera la quantità che può essere assorbita dalla terra e il fosforo rimanente diventa deflusso che viene scaricato e inquina i sistemi idrici a valle.

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Montréal, pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, ha cercato di quantificare l’esatto livello di fosforo che la terra può assorbire prima che la “spugna” diventi troppo piena. La loro ricerca è fonte di grande preoccupazione perché risulta che la quantità assorbibile è “incredibilmente bassa”.

La qualità dell’acqua è in pericolo

Le due principali fonti di inquinamento da fosforo nei corsi d’acqua sono i fertilizzanti e il letame animale accumulato attraverso l’agricoltura convenzionale e le acque reflue degli esseri umani. Nel condurre le loro ricerche, il team si è concentrato sui 23 bacini idrografici che alimentano il fiume St. Lawrence del Quebec. Science Daily ha spiegato la metodologia utilizzata:

Utilizzando i dati del governo del Quebec, i ricercatori hanno confrontato l’accumulo stimato con le concentrazioni di fosforo misurate nell’acqua negli ultimi 26 anni. Poiché gli spartiacque studiati avevano storie diverse: alcuni erano stati utilizzati intensivamente per l’agricoltura per decenni mentre altri erano forestali e incontaminati – questo metodo consentiva ai ricercatori di stabilire un gradiente di diversi accumuli di fosforo tra i siti. Così facendo, furono in grado di vedere a che punto lo spartiacque “toccò” o raggiunsero una soglia e iniziarono a perdere molto più fosforo nell’acqua.

Usando questo metodo, i ricercatori hanno determinato che il punto di non ritorno a cui il fosforo inizia a filtrare nella riserva idrica è di 2,1 tonnellate per chilometro quadrato di terreno. Una volta che questo livello è stato raggiunto, una “significativa accelerazione” nel deflusso del fosforo inizia a verificarsi, secondo il team di ricerca.

In base all’attuale tasso di utilizzo dei fertilizzanti nell’agricoltura convenzionale, lo studio ha rilevato che il punto di non ritorno può essere raggiunto in soli 10 anni. Incredibilmente, lo studio ha rilevato che alcuni dei più antichi bacini idrografici del Quebec hanno raggiunto quel livello 100 anni fa. Gli esperti avvertono che anche se l’uso del fosforo venisse immediatamente interrotto, eliminare ciò che si è già accumulato negli spartiacque della Quebec richiederebbe tra i 100 e i 2.000 anni!

Sorprendentemente, in alcuni paesi, compresi gli Stati Uniti, viene utilizzato così tanto fertilizzante che il punto di saturazione può essere raggiunto in soli cinque anni.

Il problema con il fosforo

Quindi, la nostra acqua è inquinata da quantità massicce di fosforo che potrebbero richiedere migliaia di anni per essere eliminata, ma perché dovremmo preoccuparci di questo? Come riportato dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA), sebbene l’azoto e il fosforo siano sempre presenti negli ecosistemi acquatici, una parte eccessiva di questi nutrienti causa inquinamento dell’aria e dell’acqua. Ciò può causare più problemi, comprese le alghe che crescono a un ritmo più veloce di quanto gli ecosistemi circostanti possano gestire.

L’EPA avverte :

Gli aumenti significativi delle alghe danneggiano la qualità delle acque, le risorse alimentari e gli habitat e riducono l’ossigeno che i pesci e altre forme di vita acquatica, hanno bisogno per sopravvivere. Le grandi crescite di alghe sono chiamate fioriture algali e possono gravemente ridurre o eliminare l’ossigeno nell’acqua, portando a malattie nei pesci e alla morte di un gran numero di pesci. Alcune fioriture algali sono dannose per l’uomo perché producono tossine elevate e una crescita batterica che può far ammalare le persone se entrano in contatto con l’acqua inquinata, se consumano pesce contaminato o crostacei o se bevono acqua contaminata.

via Il Blog di Iside