Salute

SALUTE DELLA TIROIDE – Ecco i 7 principali fattori di rischio a cui prestare attenzione

Sapevate che sia lo stress che la vita sedentaria possono influire negativamente sulla salute della tiroide? È fondamentale evitarli affinché il lavoro di questa ghiandola non venga alterato danneggiando anche il resto dell’organismo.

La tiroide è una piccola ghiandola che interviene nelle funzioni di vari sistemi importanti del nostro corpo. 

Si tratta di un organo endocrino che, producendo ormoni, influisce sul metabolismo, sul ritmo cardiaco, sullo stato d’animo e su altri processi vitali determinanti per una buona salute.

Si trova proprio sopra la clavicola, nella parte frontale del collo e, in generale, la sua attività giornaliera influisce sulla qualità di vita di ogni persona. 

Per questo motivo, quando la salute della tiroide non è ottimale, il soggetto comincia a soffrire di un’ampia varietà di sintomi e malattie che tendono a presentare complicazioni se non si interviene in tempo.

È fondamentale conoscere i fattori che ne possono alterare le funzioni e, dopo averli identificati, fare tutto il possibile per ridurne gli effetti.

In questo articolo vogliamo rivelare 7 fattori che, senza che ce ne rendiate conto, possono nuocere alla salute della tiroide.

Fattori che nuocciono alla salute della tiroide

1. Stile di vita sedentario

Stile di vita sedentario

Condurre uno stile di vita sedentario è uno dei possibili fattori scatenanti di malattie della tiroide come l’ipotiroidismo.

L’inattività ha un impatto negativo sulla salute fisica ed emotiva e riduce la produzione degli ormoni tiroidei.

Le funzioni del metabolismo, di conseguenza, rallentano, mentre aumenta la tendenza a soffrire di sovrappeso, obesità e diabete.

Tra le altre cose, questa cattiva abitudine scatena sintomi quali:

  • Sensazione di fatica,
  • Dolori muscolari e articolari,
  • Debolezza di capelli e unghie,
  • Accumulo di colesterolo,
  • Pressione arteriosa alta.

2. Alimentazione povera di iodio

Il poco assorbimento di iodio attraverso l’alimentazione può sfociare nella scarsa produzione di ormoni tiroidei, ovvero nell’ipotiroidismo.

Il nostro organismo ha bisogno di questo principio nutritivo per regolare la tiroide ed è dunque fondamentale garantirne il consumo in quantità adeguate.

Alcuni degli alimenti che lo contengono in modo naturale sono:

  • Sale marino,
  • Sale dell’Himalaya,
  • Mirtilli,
  • Ravanelli,
  • Fagioli,
  • Alghe,
  • Cioccolato,
  • Yogurt naturale,
  • Piselli.

3. Fumo

Donna che fuma

Il vizio del fumo non ha effetti nocivi solo sulla salute polmonare. Le tossine contenute nelle sigarette, infatti, riescono a viaggiare attraverso il flusso sanguigno e, oltre a causare danni nei tessuti e nelle cellule, interferisce con la salute della tiroide.

Il fumo riduce i livelli dell’ormone che stimola la tiroide (TSH9), generando difficoltà metaboliche, problemi alla vista e rischi cardiovascolari.

4. Dieta ricca di glutine

Il glutine è una proteina che può causare gravi complicazioni digestive nelle persone che soffrono di celiachiao ne sono intolleranti.

Questa sostanza può favorire la comparsa di disturbi nel funzionamento della tiroide, dato che provoca reazioni infiammatorie e metaboliche venendo individuata dal sistema immunitario del corpo.

Un’alimentazione scarsa di fonti di glutine, anche per chi non è intollerante, garantisce un miglior funzionamento della ghiandola e meno rischi di malattie associate a essa.

5. Consumo eccessivo di soia e derivati

Soia

Sebbene in varie occasioni abbiamo parlato dei molteplici benefici della soia, è di primaria importanza sapere che un suo consumo eccessivo può causare essere nocivo per la salute della tiroide. 

Questo perché i suoi composti inibiscono l’assorbimento degli ormoni tiroidei, soprattutto nei pazienti con principi di malattia tiroidea o a rischio.

Per precauzione, le persone a cui viene diagnosticato un disturbo della tiroide devono eliminare dalla propria dieta questo ingrediente e i suoi derivati.

6. Consumo di bevande alcoliche

Le persone abituate ad assumere bevande alcoliche in modo eccessivo hanno alte probabilità di soffrire, a medio e lungo termine, di complicazioni nella funzione tiroidea.

Sebbene gli organi escretori aiutino a filtrare e a metabolizzare queste bevande, molte delle loro tossine riescono a viaggiare attraverso il flusso sanguigno, interferendo nella produzione degli ormoni tiroidei.

7. Stress non controllato

Stress da lavoro

Anche se non ne siamo coscienti, il sistema endocrino è sensibile ai cambiamenti emotivi e, pertanto, quando si gestisce male lo stress, è comune che la produzione di ormoni tiroidei venga alterata. 

Quando questi squilibri ormonali non vengono tenuti sotto controllo, lo stress diventa un fattore scatenante di dolori fisici.

Come potete notare, sono molti i fattori che, in qualche modo, possono compromettere la salute della tiroide.

Se ne identificate uno o vari, cercate di prendere delle contromisure per evitare che insorgano seri problemi di salute. Se avete il sospetto di una malattia relazionata a questa ghiandola, consultate il medico per ricevere una diagnosi opportuna.

via Vivere Più Sani