Lo Spillo

PEPERONCINO, ECCO COSA SUCCEDE SE BEVI LATTE INTERO DOPO AVERLO MANGIATO

Peperoncino: controindicazioni e precauzioni da adottare – di Redazione Donna

È molto benefico per la nostra salute ma è importante conoscere anche le controindicazioni di questo alimento per un consumo più sano e consapevole, evitando spiacevoli conseguenze.

Il peperoncino è un alimento molto benefico per il nostro organismo: aiuta la digestione, apporta benefici al sistema circolatorio ed è un ottimo antinfiammatorio.

È però importante conoscere anche le sue controindicazioni: può infatti provocare problemi di salute in soggetti particolarmente sensibili, inoltre possono esserci rischi legati al contatto con le mucose o con gli occhi.

Scopriamo allora quali sono le controindicazioni per conoscere tutte le informazioni utili e consumare questo alimento in modo consapevole e sicuro.

Principali proprietàLa capsaicina è il principio attivo che dona al peperoncino le sue tante proprietà benefiche e curative:

favorisce la digestione, in quanto stimola la produzione dei succhi gastrici, previene i tumori, soprattutto quello al colon retto, svolge un’azione antibatterica e accelera il metabolismo, aiutando a dimagrire.

Inoltre aiuta il sistema cardiocircolatorio riducendo i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e prevenendo infarto e ictus.

Il peperoncino è anche un ottimo antinfiammatorio utile soprattutto contro i dolori reumatici e l’artrosi, inoltre rinforza i vasi sanguigni mantenendo i capillari elastici.

La migliore circolazione sanguigna avrebbe effetti benefici anche sui capelli: ne previene la caduta grazie alla maggiore ossigenazione dei bulbi piliferi.

Inoltre è considerato anche un cibo afrodisiaco grazie alla lecitina contenuta nei suoi semi, che dona più elasticità alle arterie.

Controindicazioni del peperoncino

Anche se non ci sono delle indicazioni particolari riguardo all’uso del peperoncino, ci sono alcuni soggetti che devono evitarne il consumo o che devono mangiare questo alimento con le dovute limitazioni.

In particolare è sconsigliato in questi casi: problemi allo stomaco, ulcera gastrica, gastroenterite, acidità di stomaco, reflusso gastroesofageo; emorroidi; cistite; epatite.

Inoltre il peperoncino è sconsigliato ai bambini sotto i 12 anni in quanto il loro apparato digerente è troppo delicato e potrebbe irritarsi.

Il consumo di peperoncino deve poi essere evitato in soggetti con la pelle sensibile e in quelli allergici alla pianta.

Le donne in gravidanza e allattamento dovrebbero limitarne il consumo per evitare disturbi.

Inoltre è sconsigliato il consumo eccessivo di peperoncino anche quando si gode di buona salute: è sempre meglio evitare le esagerazioni e limitare le dosi.

Non utilizzate pomate a base di peperoncino sulla cute lesa perché potrebbe provocare forte bruciore.

Quali precauzioni adottare per evitare bruciore e irritazioni

Deve essere maneggiato con cura in quanto è un prodotto potenzialmente irritante, inoltre deve essere conservato con cura soprattutto in presenza di bambini. Bisogna quindi adottare delle precauzioni durante il suo utilizzo.

Lavateli bene: i peperoncini freschi vanno lavati bene prima dell’utilizzo così da rimuovere residui di terra e sporco.

Utilizzate i guanti: quando manipolate il peperoncino fresco o in polvere utilizzate sempre dei guanti in lattice, soprattutto in caso di soggetti particolarmente sensibili.

Se toccate il peperoncino senza guanti lavate subito le mani con sapone o shampoo, in quanto potreste accidentalmente irritare le mucose della bocca e della gola.

In caso di contatto con gli occhi, invece, il peperoncino può causare una lacrimazione molto intensa e, in casi più gravi, anche congiuntivite e blefarospasmo (una chiusura prolungata e involontaria delle palpebre).

E in caso di bruciori? Ecco come fare. Se non avete preso le dovute precauzioni, cosa fare in caso di bruciore provocato dal peperoncino?

Se il peperoncino irrita la pelle o gli occhi utilizzate un composto oleoso come della paraffina o un qualsiasi olio vegetale.

La capsaicina è una sostanza idrofoba che quindi non si scioglie con l’acqua ma con sostanze grasse o oleose.

Se il peperoncino provoca intenso bruciore alla bocca, evitate di bere acqua. Per rimuovere la capsaicina, è infatti necessario mangiare qualcosa che contenga grassi: latte intero, yogurt fresco, maionese, burro o un cucchiaino di olio. Fonte: donna.fanpage.it

via Informare per Resistere

SEGUICI SU FACEBOOK

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.