, ,

ECCO L’OGGETTO PIU’ PERICOLOSO CHE ABBIAMO IN CASA. E’ PIENO DI BATTERI PERICOLOSI.

loading...

C’è un oggetto in cucina che usate praticamente ogni giorno ma che rappresenta una vera e propria bomba sanitaria. Secondo una nuova ricerca a cui far riferimento il Corriere della Sera, il tagliere per carne e verdure nasconde il maggior numero di batteri potenzialmente letali per l’uomo, ed è addirittura fino a 200 volte più sporco della tavoletta del wc. L’esperta di sicurezza alimentare Lisa Ackerley, intervistata dal tabloid britannico The Sun, ha snocciolato qualche preziosissimo consiglio per evitare guai di salute.

1) Innanzitutto, fare attenzione a non appoggiare sul tagliere nulla che non sia di uso alimentare.

2) Per pulirlo non usare lo strofinaccio, che è potenzialmente ancora più sporco del tagliere e che a contatto con residui di carne e verdure crude potrebbe venir contaminato ancora di più.

loading...

3) Per lavarlo l’acqua non basta: meglio infilarlo se possibile in una lavastoviglieper disinfettarlo oppure spruzzare sul tagliere un detergente antibatterico, lasciarlo agire 5 minuti e risciacquarlo sotto acqua corrente. Per asciugarlo basterà la carta da cucina.

4) Durante l’uso è fondamentale differenziare i taglieri: usarne uno per gli alimenti cotti, un altro per quelli crudi.

5) Quando il tagliere, di plastica o di legno, risulta danneggiato e con troppe incisioni da coltello, meglio cambiarlo con un nuovo. perché germi e batteri si infilano proprio nelle fessure e nelle scanalature. Per esempio, l’escherichia coli (il batterio presente nelle feci) può crescervi e proliferarvi per settimane intere.

via Libero

loading...

COSA NE PENSI DI QUESTO ARTICOLO?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

loading...

Se hai problemi all’intestino segui questi consigli. Il “Pronto Soccorso Intestinale” di Franco Berrino

ACQUA INQUINATA? IL GESTORE DEVE RISARCIRE IL CONSUMATORE. LO HA DECISO LA CASSAZIONE