I ricercatori hanno scoperto perché lo stress, che sia un’allergia o un trauma psicologico, ci fa ammalare.

Lo stress influenza le cellule del sistema immunitario e ci fa ammalare: questo è quanto sostengono i ricercatori della Michigan State University che hanno deciso di indagare sui meccanismi che rendono lo stress un vero pericolo per la nostra salute e ciò che hanno scoperto potrebbe aiutarci un giorno ad evitare le conseguenze, ad esempio, di un’allergia debilitante.

Lo studio. La ricerca è partita dall’analisi del recettore dello stress conosciuto anche come ormone di rilascio della corticotropina (CRF1) e dalla risposta dell’istamina in condizioni di stress. Per capirne il funzionamento, i ricercatori hanno effettuato alcuni testi sui topi e li hanno sottoposti a due diverse condizioni di stress, uno di tipo psicologico e l’altro allergico, in questo modo hanno potuto osservare la risposta del sistema immunitario che si attiva proprio in questi casi. Ma non è tutto. I topi infatti sono stati suddivisi in due gruppi: uno ‘normale’ in cui il recettore dello stress poteva agire normalmente e uno in cui invece il recettore era stato inibito.

I risultati. Così facendo gli scienziati hanno scoperto che mentre per i topi ‘normali’ l’esposizione allo stress mostrava alti livelli di istamina e conseguente sviluppo di malattia, nei topi in cui l’ormone dello stress era stato inibito i livelli di CRF1 erano bassi così come minori erano le malattie che sviluppavano: insomma, inibire il CRF1 permette di reagire meglio allo stress (psicologico e allergico). Nello specifico, i soggetti in cui il CRF1 era stato inibito, i ricercatori hanno registrato una riduzione del 54% delle malattie, che saliva al 63% nel caso di stress psicologico.

A cosa serve questo studio. Questo studio è importante perché permette ai ricercatori di comprendere le origini delle malattie in conseguenza di forti situazioni di stress: un giorno si potrebbe, ad esempio, intervenire sull’ormone stesso. “Questo lavoro rappresenta un passo in avanti nella decodifica di come lo stress ci faccia ammalare e fornisce una nuova speranza di trovare terapia in grado di migliorare la qualità della vita delle persone affette da malattie correlate allo stress”.

via ScienzeFanPage