,

LE TOSSINE DELLA MUFFA POSSONO VOLARE E FINIRE NEI POLMONI, LO SVELA UNA NUOVA RICERCA

loading...

Come se la presenza sui muri per le loro spore non fosse abbastanza problematica per alcune persone, una nuova ricerca ha scoperto che le tossine prodotte dalla germinazione della muffa negli angoli umidi della vostra casa potrebbero anche essere trasportate nell’aria.

La scoperta potrebbe aiutare a spiegare quello che viene definito come “sindrome dell’edificio malato”, una vasta collezione di sintomi che sembrano aumentare in gravità più a lungo una persona che occupa una stanza di un edificio.

Un team di ricercatori francesi ha trovato prove che le particelle di diverse specie di funghi (che definiamo comunemente come “muffa”) potrebbero contenere sostanze chimichechiamate micotossine , e che queste tossine possono diffondersi anche per via aerea.

loading...

Per le persone con asma e altre allergie, le particelle stesse possono divenire un incubo, infiammando i polmoni e provocando qualsiasi cosa, dagli starnuti al prurito agli occhi per le vie aeree ristrette sino agli attacchi di asma.

Questo di solito è causato quando il sistema immunitario del corpo diventa sensibile ai composti nelle spore e ai rifiuti prodotti denominati composti organici volatili microbici , e non specificamente le micotossine.

Di solito, le micotossine sono sostanze che associamo alla contaminazione degli alimenti in quanto percolare di funghi che crescono su frutta o cereali. Nessuno è sicuro perché i funghi li producano, ma consumate in concentrazioni sufficientemente elevate possono risultare persino mortali.

Mentre i loro effetti sul corpo dopo essere stato ingeriti sono stati ampiamente studiati, meno si sa circa l’effetto della respirazione in micotossine, o se è anche qualcosa da considerare come un potenziale problema di salute per la maggior parte di noi.

“Non esistono molti dati sull’inalazione di queste tossine,” dice il ricercatore Jean-Denis Bailly dalla Scuola Nazionale Veterinaria di Tolosa, in Francia.

Tra i pochi dati che non esistono, la maggior parte della ricerca si è concentrata sui tipi di funghi trovati in agricoltura. Questi numeri hanno contribuito a quella che viene chiamata una concentrazione di preoccupazione tossicologica (CoNTC), che è di 30 nanogrammi per metro cubo per micotossine agricole.

Sulla base di questo, ci sono poche prove che le micotossine presenti nell’aria possono raggiungere concentrazioni sufficientemente elevate da causare problemi di salute per la maggior parte di noi.

Ma ambienti interni potrebbero essere diversi, e micotossine potrebbero essere solo un ruolodell’attività che le stesse effettuano per farci ammalare.

Questa nuova ricerca ha esaminato funghi come Penicillium brevicompactum , Aspergillus versicolor , e Stachybotrys chartarum . Questi crescono spesso negli angoli umidi di bagni o camere da letto con scarsa ventilazione, dove le loro spore simili a radici chiamati ife possono viaggiare nell’aria.

Lo studio ha analizzato i movimenti d’aria intorno un pezzo di carta da parati che era stata contaminata con diversi stampi.

Penicillium brevicompactum al microscopio

I ricercatori hanno poi analizzato l’aria attorno alla carta da parati.

Il risultato dell’osservazione ha permesso di constatare che le spore viaggiano nell’aria, molto probabilmente a causa delle loro strutture uniche.

“La maggior parte delle tossine presenti nell’aria sono suscettibili per essere situate su spore fungine, ma abbiamo anche dimostrato che una parte del carico tossico è stata trovata su particelle molto piccole – polvere o piccoli frammenti di carta da parati, che potrebbe essere facilmente inalate”, dice Bailly .

Il fatto che ci sono livelli di micotossine, che possono essere inalati in particelle più piccole di spore, e che queste particelle possono disperdersi nell’aria alle velocità basse del vento che ci si trova nella maggior parte degli ambienti interni, sono fattori che potrebbero essere presi in considerazione al momento di valutare i limiti di tossicità.

“La presenza di micotossine in ambienti chiusi dovrebbe essere presa in considerazione come un importante parametro della qualità dell’ariadice Bailly .

La ricerca non viene a conclusioni su quali tipi di concentrazioni si trovano comunemente nelle nostre case e uffici, o come queste potrebbe confrontare con i limiti agricoli.

Si stima che fino al 40 per cento degli edifici in Nord America e in Europa mostrino segni visibili di crescita fungina.

Il tutto ci farebbe pensare che sarebbe opportuno sigillare meglio i nostri edifici per renderli più efficienti, prendendo in considerazione questo per osservare l’impatto sulla crescita di muffe e la circolazione di particelle che potrebbero portare le loro tossine sino all’interno dei nostri polmoni.

Questa ricerca è stata pubblicata nel Applied and Environmental Microbiology .

Fonte: www.globochannel.com

loading...

COSA NE PENSI DI QUESTO ARTICOLO?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

loading...

COME RILEVARE UNA PROSTATA MALATA? I 7 SINTOMI CHE NESSUN UOMO DOVREBBE IGNORARE

Psicofarmaci: BENVENUTI ALL’INFERNO