Salute

In maggior parte il cancro è causato da alimenti trasformati e ingredienti tossici, conferma un nuovo studio

Uno studio pubblicato di recente dal Canada ha dimostrato che la quantità totale di tassi di cancro che possono essere collegati a fattori di stile di vita e ambientali è sostanziale, quasi al 41%.

Secondo i ricercatori, “Abbiamo stime di rischio attribuibili alla popolazione sommaria per 24 fattori di rischio (fumo passivo e attivo), sovrappeso e obesità, attività fisica inadeguata, dieta [consumo inadeguato di frutta e verdura, assunzione inadeguata di fibre, eccesso di consumo di carne, consumo di sale, assunzione inadeguata di calcio e vitamina D, alcol, ormoni [contraccettivi orali e terapia ormonale], infezioni [ virus Epstein-Barr , virusdell’epatite B e C, papillomavirus umano, Helicobacter pylori], inquinamento atmosferico, naturale e radiazioni ultraviolette artificiali, sottoprodotti di disinfezione di radon e acqua) combinando stime di rischio attribuibili alla popolazione per ciascuno dei 24 fattori precedentemente stimati. ”

I ricercatori hanno scoperto che il 40,8% dei casi di cancro può essere attribuito ai suddetti 24 fattori. ” Il fumo di tabacco è stato responsabile del più grande onere del cancro, rappresentando circa il 15,7% di tutti i casi di cancro incidente (2485 casi), seguiti dall’inattività fisica e dall’eccesso di peso corporeo, responsabili di una stima del 7,2% e del 4,3% del cancro rispettivamente”.

Gli altri fattori erano responsabili di meno del quattro per cento dei casi di cancro ciascuno. I ricercatori hanno concluso che, combinata con l’esercizio e lo sforzo cosciente per evitare i fattori ambientali di incorrere nel cancro, la malattia è prevenibile.

Inoltre, nello studio è inclusa la conoscenza che una parte importante di ciò che viene considerato una cattiva alimentazione è l’inclusione di troppi zuccheri, che è comune nella società di oggi. Al giorno d’oggi, l’80 percento di tutti i prodotti confezionati contiene una qualche forma di fruttosio.

Troppa assunzione di grassi non fa bene al corpo. In effetti, uno studio del luglio 2017 pubblicato sul Journal of Clinical Oncology ha mostrato che l’assunzione di grassi saturi è correlata al rischio di cancro ai polmoni nei fumatori e a coloro che hanno smesso di fumare negli ultimi 10 anni. Le carni carbonizzate e arrostite , d’altra parte, possono aumentare i rischi dei cancri pancreatici e del seno.

Ma ciò che prende gran partae della “torta” sono gli alimenti trasformati . Secondo il dietologo di Hong Kong, Sally Shi-Po Poon, si può dire che gli “alimenti trasformati” rappresentano qualsiasi alimento alterato dal suo stato naturale in qualche modo, per ragioni di convenienza.

Gli alimenti trasformati più comuni includono cereali per la colazione, verdure in scatola e surgelate, pane, pasta, snack salati come patatine e biscotti, microonde o pasti pronti da leggere, pane, olii, carni lavorate come la carne in scatola e scatti e bevande come caffè, succo di frutta e latte.

Tuttavia, non tutti gli alimenti trasformati sono malsani, ha detto Poon. Ad esempio, il latte deve essere pastorizzato, quindi alterato dal suo stato naturale, al fine di rimuovere i batteri nocivi dalla sua costituzione.

Da parte sua, il fondatore di Health Designer e il dietista senior Vin Ip ha affermato che alcuni alimenti trasformati non sono dannosi per la salute, osservando: “Gli alimenti trasformati al minimo sono quasi identici agli alimenti non trasformati e sono quindi accettabili da includere nella nostra dieta”.

Ciò che deve essere evitato a tutti i costi sono gli alimenti pesantemente lavorati, ad esempio salumi come pancetta, salame e salsicce, poiché sono ricchi di sale, nitriti e nitrati e possono provocare il cancro. “Mangiare 50 grammi di carne lavorata ogni giorno aumenta del 18% il rischio di cancro del colon-retto. Questo è l’equivalente di circa quattro strisce di pancetta o un hot dog “, ha detto Poon.

via Il Blog di Iside