Curiosità Scienza

I RICERCATORI SCOPRONO CHE I VERMI DELLA CERA SONO IN GRADO DI DEGRADARE LA PLASTICA

I vermi della cera potrebbero salvarci dall’eccedenza di plastica!

I ricercatori hanno scoperto che i vermi  della cera sono in grado di mangiare il polietilene. Ora hanno solo bisogno di localizzare la molecola che permette al verme di degradare la plastica.

Esistono già centinaia di progetti per ridurre l’uso della plastica , un elemento strettamente legato al degrado ambientale . Dall’uso di sacchetti riutilizzabili alla produzione di  confezioni biodegradabili , la verità è che tutti si concentrano esclusivamente sullo sviluppo di nuovi materiali o tecnologie.

Questa realtà potrebbe cambiare grazie ai vermi  della cera . Forse li conosciamo già perché sono un’esca molto comune tra i pescatori , dal momento che il loro valore energetico è molto alto (15% di proteine ​​e 20% di grassi). In realtà questi vermi sono le larve di una falena con lo stesso nome ( falena della cera / miele). Per gli apicoltori, questa specie rappresenta una grande minaccia perché ama intrufolarsi negli alveari e mangiare la cera .

Foto: Pajala (Pixabay)

Precisamente, è così che Federico Bertotochini ha scoperto una capacità dei  vermi della cera che può aiutare a liberarci dai rifiuti di plastica. Come spiega nel video, la scoperta è avvenuta puramente per caso : un giorno stava pulendo l’alveare delle api e ha scoperto che i vermi della cera  lo avevano invaso.Li mise in un sacchetto di plastica e continuò con il suo lavoro.

Che sorpresa scoprire che i vermi avevano trafitto la plastica!

Dal momento che Bertotochini lavora come  ricercatore presso l’Istituto di Biomedicina e Biotecnologia di Cantabria , ha deciso di condurre uno studio su questo fenomeno. Finora, i ricercatori hanno scoperto che i vermi della cera sono in grado di mangiare il polietilene e degradarlo per produrre glicole etilenico , il principale composto antigelo.

Il polietilene è la plastica più comune , soprattutto per la produzione di imballaggi.Il suo impatto ambientale è devastante, dal momento che ci vogliono tra cento e quattrocento anni per degradare naturalmente la plastica. Tuttavia, in 12 ore un centinaio di vermi sono in grado di mangiare il 10% della busta di plastica standard . Certo, la differenza è abissale.

Apparentemente, la composizione molecolare del polietilene è simile a quella della cera, quindi questi vermi sono in grado di digerire la plastica. Ora il problema principale per i ricercatori è individuare la molecola o l’involucro che consente al verme di scomporre la struttura molecolare del polietilene . “Potremmo riuscire a trovare la molecola e possiamo produrla su larga scala invece di usare milioni di vermi in un sacchetto di plastica.”

Sebbene abbiamo trovato un alleato fondamentale, ridurre l’impatto ambientale della plastica rimane un compito umano . Primo, perché questi vermi non sarebbero in grado di eliminare tutti i rifiuti di plastica che si accumulano sulla terra e nell’oceano. E secondo, perché è necessario attaccare il problema e non le conseguenze . Come consiglia Greenpeace, dobbiamo ridurre la quantità di plastica monouso in circolazione e scommettere sul riutilizzo.

Una misura molto semplice è quella di avere la nostra bottiglia d’acqua o la nostra borsa della spesa personale . Quali altre misure prendiamo durante la nostra giornata per ridurre il nostro impatto ambientale?

Fonte: bioguia tv

via PianetaBluNews