News

HA VINTO AL LOTTO INSIEME AI SUOI CLIENTI 11MILA EURO, MA LA BANCA GLI HA PERSO LA SCHEDINA VINCENTE…

La dea bendata lo ha baciato con una vittoria al Lotto: ben 11 mila euro.

Ma la fortuna non è bastata per incassare quei soldi. E ora Maurizio Pontillo fortunato-sfortunato protagonista della storia si è dovuto rivolgere ad un avvocato.

Una sfortunata vittoria

Andiamo con ordine. Pontillo è il titolare di un bar ricevitoria di Largo Esopo, a Casal Palocco a Roma. Il 26 marzo insieme al altri giocatori, in quella che viene chiamata in gergo carature, che consiste nell’unire i soldi per vincerne molti di più, gioca 3 numeri al lotto. E vince: terno sulla ruota di Palermo. Vittoria da 11.132,00 euro tondi tondi.

Terminati festeggiamenti e brindisi, il 49enne si dirige alla banca di zona per consegnare lo scontrino. Una prassi in caso di vincite superiori ai 10.500 euro. “Allo sportello hanno impiegato un’ora solo per inserire i dati e fare la prenotazione -racconta sulle pagine de Il Tempo -, ma ho pazientato perché la procedura era nuova e loro non ancora aggiornati. Dopo 15 giorni lavorativi avrebbero dovuto pagare, invece nulla. Sono tornato in agenzia tre volte, ho mandato pec di sollecito e alla fine mi sono rivolto a un avvocato mandando la diffida alla filiale e per conoscenza alla direzione centrale della banca. Niente, dei soldi vinti nemmeno l’ombra“.

Ma la beffa mica è finita: “Intanto io, avendo giocato con i miei clienti, anche per rendere loro un servizio, ho anticipato i soldi vinti, 1.113,00 euro ognuno, ritrovandomi con un buco sul conto“. Non solo: “Il 27 maggio – precisa il commerciante . scade il termine per ritirare i soldi vintiquindi ho chiesto anche delucidazioni al rappresentante di Lottomatica col quale mi relaziono abitualmente per la mia attività“. Qui viene a galla il fattaccio: “È stato lui ha darmi l’assurda notizia che mi era stata nascosta dalla banca: in filiale hanno erso la schedina. Nessuno mi aveva avvertito, se avessi temporeggiato avrei subito oltre al danno anche la beffa”.

Il 49enne decide quindi di “denunciare tutto ai carabinieri e mentre sto entrando in caserma ricevo la chiamata di Lottomatica. Per un attimo ho sperato che tutto si fosse risolto, invece mi dicono che lo scontrino a loro non è mai arrivato e che senza titolo originale non possono pagare. Hanno scritto cinque volte alla banca, invitandola a presentare denuncia di smarrimento, ma non hanno mai avuto risposta. D’ altronde la schedina è un titolo al portatore, chi se ne impossessa può incassare la vincita. In agenzia, solo ieri (mercoledì ndr) hanno ammesso il malfatto, ammettendo di aver spedito il plico con un corriere e di averne poi perso le tracce“.

Fonte: qui