Salute Scienza

ALTRO CHE INNOCUE! GLI EFFETTI FINORA SCONOSCIUTI DELLE NANOPARTICELLE SULL’ORGANISMO

“Abbiamo scoperto che nanoparticelle di ossido di zinco, a dosi rilevanti per ciò che si potrebbe mangiare normalmente in un pasto o in un giorno, possono cambiare il modo in cui l’intestino assorbe i nutrienti o l’espressione genica e proteica delle cellule intestinali”.

È Gretchen Mahler, professoressa associata di bioingegneria, uno degli autori della ricerca condotta dall’Università di Binghamton di New York a riaccendere la polemica su ScienceDaily rispetto alle nanoparticelle. E non solo su quelle contenute in molti cibi o in altri prodotti consueti di consumo, come ha dimostrato pochi giorni fa un test svizzero che ha trovato quelle di titanio e zinco in diversi campioni.
Secondo Mahler, queste nanoparticelle di zinco, sono presenti nel rivestimento di alcuni prodotti in scatola per le loro proprietà antimicrobiche e per prevenire la colorazione degli alimenti che producono zolfo. In particolare mais, tonno, asparagi e pollo in scatola sono stati esaminati con spettrometria di massa per stimare quante particelle potrebbero trasferirsi al cibo. Si è constatato che il cibo conteneva 100 volte la dose giornaliera di zinco.

Una volta stabilita la migrazione, Mahler e colleghi hanno osservato l’effetto sul tratto digestivo.
“Finora sono stati osservati gli effetti di dosi molto alte di nanoparticelle sulle cellule intestinali, cercando una tossicità evidente, come la morte cellulare”, ha spiegato la professoressa statunitense. “Noi, ora, abbiamo esaminato la funzione cellulare, che è un effetto molto più sottile, e osservando le dosi di nanoparticelle più vicine alla reale esposizione”.
Queste minuscole particelle, di diametro inferiore a 1 nanometro “Tendono a depositarsi sulle cellule del tratto gastrointestinale causando il rimodellamento o la perdita dei microvilli, che sono piccole proiezioni sulla superficie delle cellule assorbenti intestinali e aiutano ad aumentare la superficie disponibile per l’assorbimento”, ha sintetizzato Mahler. “Questa perdita di superficie tende a provocare una diminuzione dell’assorbimento di nutrienti. Alcune nanoparticelle, poi, causano segnali pro-infiammatori a dosi elevate e questo può aumentare la permeabilità del modello intestinale”. In parole povere i composti che non dovrebbero passare attraverso il flusso sanguigno potrebbero essere in grado di farlo.
Sebbene Mahler abbia studiato questi effetti in laboratorio, ha affermato di non essere sicuro di quali potrebbero essere le implicazioni sulla salute a lungo termine.
“È difficile dire quali sono gli effetti a lungo termine dell’ingestione delle nanoparticelle sulla salute umana, soprattutto sulla base dei risultati di un modello di coltura cellulare”, ha detto Mahler. “Quello che posso dire è che il nostro modello mostra che le nanoparticelle hanno effetti sul nostro modello in vitro e che capire come influiscono sulla funzione intestinale è un’importante area di studio per la sicurezza dei consumatori”.
Lo studio è stato condotto da Mahler, Fabiola Morena-Olivas, una studentessa laureata che studia ingegneria biomedica, e il loro collaboratore Elad Tako dal laboratorio Plant, Soil and Nutrition, Agricultural Research Services, Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, Ithaca, NY.

via Il Salvagente