Un uomo paralizzato dalle spalle in giù ha recuperato il senso del tatto grazie a una serie di elettrodi impiantati in una regione del cervello.

E’ la rivoluzionaria tecnica che, messa a punto dal California Institute of Technology, in futuro potrebbe consentire ai pazienti di sperimentare sensazioni naturali anche attraverso gli arti robotici.

I ricercatori hanno stimolato i neuroni dell’uomo attraverso piccolissimi impulsi elettrici.

Gli elettrodi sono stati impiantati chirurgicamente nella cosiddetta corteccia somatosensoriale, un’area del cervello che governa le sensazioni corporee, sia quelle che permettono di capire i movimenti del corpo e la sua posizione nello spazio sia quelle cutanee come pressione, vibrazione, tocco e così via.

La ricerca, descritta sulla rivista eLife, ha permesso al paziente di provare diverse sensazioni molto simili a quelle naturali, che variavano per tipo, intensità e posizione a seconda della frequenza, della potenza e della localizzazione degli impulsi.

Fonte: qui