Salute

8 BIOINDICATORI DA MONITORARE PER EVITARE SERI PROBLEMI DI SALUTE

Scientist with laboratory background and concept.

Alcuni indicatori sono alquanto affidabili nell’aiutarti a calcolare l’aspettativa di vita e il rischio di malattie. Alcuni di questi sono misurati durante gli esami fisici annuali, ma altri potrebbero aver bisogno di essere controllati più spesso se sei una persona a rischio di malattie croniche come il diabete e le malattie cardiache.

Di seguito è riportata la lista dei biomarcatori che hai bisogno di monitorare per ridurre il rischio di sviluppare queste malattie e aumentare le tue possibilità di avere una vita più lunga e sana.

La pressione del sangue

Un’alta pressione sanguigna aumenta il rischio di malattie cardiache e ictus. Può contribuire a peggiorare alcune condizioni fisiche e a svilupparne altre. Si stima che circa un americano su 3 soffra di alta pressione sanguigna. Se la tua pressione è più alta di 120/80 mmHg, devi iniziare a prendere qualche precauzione per controllarla.

Il rapporto tra gli acidi grassi Omega-6 e Omega-3

Il tuo corpo non può produrre questi acidi grassi, il che significa che hai bisogno di assumerne a sufficienza attraverso quello che mangi. Il rapporto ottimale tra gli omega-6 e gli omega-3 è compreso tra 2:1 e 4:1. Per raggiungerlo dovresti includere nella tua dieta più prodotti con un alto contenuto di omega-3 , come il salmone e altri pesci d’acqua fredda, le noci, i semi di lino e di chia, oltre che limitare gli oli vegetali.

La vitamina D

La vitamina D è di vitale importanza per la salute delle tue ossa, il sistema immunitario e la salute dei muscoli e dei nervi. Il tuo corpo produce la vitamina D a seguito di un’esposizione al sole, ma è importante integrarla con la dieta. La si può trovare negli albumi d’uovo, nel fegato e nei pesci di acqua salata, o anche in alcuni cereali arricchiti e nel latte. Potresti anche chiedere al tuo dottore un supplemento.

La proteina C reattiva

La proteina C reattiva viene prodotta dal fegato. Alti livelli di questa proteina sono indice di un’infiammazione in atto. L’infiammazione cronica è collegata a problemi cardiaci, malattie autoimmuni e persino al cancro. I modi per ridurre l’infiammazione sono quelli che già conosci: fare esercizio fisico regolarmente, tenere una dieta bilanciata e diminuire lo stress.

Il colesterolo

Il livello dei trigliceridi, dei LDL (colesterolo “cattivo”) e dei HDL (colesterolo “buono”) viene misurato tramite un esame del sangue chiamato pannello lipidico. Se hai un alto livello di colesterolo LDL e di trigliceridi, e un basso livello di colesterolo HDL, il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari aumenta. Una dieta salutare, esercizio fisico e smettere di fumare possono aiutare a tenere il livello di colesterolo sotto controllo, ma se questo non è sufficiente il tuo medico può prescriverti dei farmaci come ad esempio le statine.

La circonferenza della vita

Qualche chilo di troppo può aumentare il rischio di avere seri problemi di salute, inclusi il diabete e le malattie cardiache, specialmente se la maggior parte dei chili in più si trova attorno alla vita. La dimensione ottimale della vita è al massimo di 89 cm per gli uomini e 81 cm per le donne.

Il livello ormonale

Il livello di testosterone negli uomini ed estrogeni nelle donne diminuisce naturalmente man mano che si invecchia. Ma se il livello di questi ormoni diventa troppo basso può portare a una perdita di massa muscolare e a un indebolimento delle ossa.

Il livello di insulina a digiuno

La glicemia elevata è un indicatore utilizzato per determinare se qualcuno rischia di soffrire di diabete o se lo soffre già. Ma dovresti prestare anche attenzione al livello di insulina nel sangue a digiuno. L’aumento del livello di insulina potrebbe essere un segno precoce per determinare la presenza di un prediabete.

Fonte: Fonte: LiveSmartMark’s Daily AppleBuiltLean

via Fabiosa


Questo articolo ha scopo puramente informativo. Con queste informazioni non si vuole fornire una consulenza medica professionale. Lo Spillo non assume nessuna responsabilità per qualsiasi conseguenza da trattamenti, procedure, esercizi, modifica della dieta, azione o assunzione di farmaci a seguito della lettura o seguendo le informazioni contenute in questo articolo. Prima di cominciare qualsiasi trattamento il lettore deve consultare il parere del proprio medico o di un operatore sanitario.